Apofruit investe sull’innovazione varietale

    Apofruit
    Il direttore generale di Apofruit Ernesto Fornari ha presentato il nuovo piano di sviluppo dell’azienda per il quinquennio 2021-2025. Innovazione varietale, e in particolare prodotti club, al centro della programmazione produttiva della cooperativa

    Apofruit ha presentato oggi un'idea di programmazione produttiva per i prossimi 5 anni molto dettagliata e che ha come obiettivo principale l'ampliamento dell'investimento nei progetti per prodotti a Club. Ernesto Fornari, nuovo direttore generale della cooperativa ortofrutticola con sede a Cesena, «l'esperienza con le varietà Club è ormai ventennale, tutto è iniziato diventando uno dei licenziatari della mela Pink Lady, alla quale ha fatto seguito il kiwi Zespri Gold G3. Due progetti che ci hanno permesso di capire a pieno le dinamiche delle varietà gestite con questi sistemi. In entrambi i casi i risultati sono stati positivi e per questa ragione tra il 2021 e il 2025 intendiamo puntare su un'ampia gamma di varietà, prodotti di qualità su cui poter fare affidamento e che ampliano i calendari di raccolta e di commercializzazione per rispondere alle richieste del mercato».

    Apofruit
    Apofruit in cifre

    Tutte le varietà su cui punta Apofruit

    Le proposte su cui riflettere per la programmazione produttiva riguardano numerose varietà e specie frutticole, adatte naturalmente a diversi areali produttivi, da Nord a Sud, sui cui si estende la cooperativa.

     

     

    • Kiwi: verde Divo (di New Plant) e rosso HFR-18 (di Origine Group)
    • Mele: Joya (di Star Fruit) e Candine (Agro Selection Fruit)
    • Pere: Fred (CH201) (di Agroscope)
    • Kaki: Maxim (Citrus Genesis)
    • Nettarine:  Ondine (platicarpa bianca)
    • Albicocche: Farbela, Farbaly e Farlis
    • Ciliegie: Sweet
    • Uva senza semi: Sun world, IFG, SFNL, Star Grow
    • Agrumi: clementino tardivo Tango, per superare i limiti del periodo di commercializzazione del clementino comune, e arance bionde Fukumoto e Lanelate
    • Fragole: Sabrosa (Planasa) e Rossetta (Nova Siri Genetics)
    • Piccoli frutti: mirtilli Fall Creeck e lampone Adelita (Planasa)

    «L’innovazione deve partire da un’offerta di qualità, che sia in grado di dare la giusta retribuzione ai produttori e di vincere la competizione sui mercati globali. Con questo ampliamento contiamo di dare un forte impulso alla superficie coltivata del gruppo. Le strategie di Apofruit, per valorizzare al meglio gli investimenti dei nostri produttori, saranno sempre incentrate sui tre grandi pilastri della nostra offerta: politica di marca, biologico e produzione integrata di alta qualità» conclude Fornari.

    Gli aiuti per fronteggiare gli investimenti

    Mario Tamanti, direttore progetti e finanziamenti Apofruit, ha messo l'accento su un tema cruciale per i frutticoltori soci: la capacità di far fronte agli investimenti che questi progetti richiedono.Apofruit

    «Pensando per esempio a un nuovo impianto di kiwi (con drenaggi per ogni singolo filare a 1m dalla pianta e a 70 cm di prfondità in pre impianto, con sesto di 5x2 o 5x3 a seconda del territorio per un totae di 666-1000 piante per ettaro, coperto da rete antigrandine con rete antinsetto/antivento, più impianto di irrigazione, fertirrigazione, antibrina ecc.) i costi da sostenere si aggirano sui 50mila euro, senza contare i costi di gestione del periodo improduttivo. Uno sforzo importante per i produttori che la cooperativa cerca di accompagnare intercettando e supportando le aziende a ottenere finanziamenti comunitari, l'accesso al credito, e promuovendo l'adozione di assicurazioni e strumenti di tutela del reddito».

     

    Apofruit
    L'indice di soddisfazione degli aiuti per il settore
    Apofruit investe sull’innovazione varietale - Ultima modifica: 2021-02-04T17:50:15+01:00 da Sara Vitali

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento
    Per favore inserisci il tuo nome