Contributo a fondo perduto anche per agricoltori dipendenti e pensionati

La circolare dell'Agenzia delle Entrate fornisce ulteriori informazioni e chiarimenti sul bonus previsto dal Decreto Rilancio. Le esclusioni dal conttibuto

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la circolare n. 15/E del 13 giugno, di illustrazione della disciplina del Contributo a Fondo Perduto previsto dall’art. 25 del decreto-legge n. 34/2020 (il cosiddetto “Rilancio”). Numerosi i chiarimenti, tra cui spiccano quelli relativi alle esclusioni dal contributo previste dalla legge.

 

 

In particolare, il comma 2 dell’art. 25 elenca una serie di esclusioni dal contributo, tra cui:

 

 

a) i soggetti la cui attività risulti cessata alla data di presentazione dell'istanza,
b) i liberi professionisti ed i Co.co.co. con diritto all’indennità di 600 euro prevista dall’art. 27 del decreto-legge n. 18/2020 (cosiddetto “Cura Italia”);
c) i lavoratori dello spettacolo iscritti con diritto all’indennità di 600 euro prevista dall’art. 38 del decreto-legge “Cura Italia”;
d) i lavoratori dipendenti, da intendersi, secondo l’Agenzia, quali “soggetti i cui redditi sono unicamente riconducibili allo status di «lavoratore dipendente»”;
e) i liberi professionisti iscritti alle rispettive casse previdenziali obbligatorie.

Escluse le attività commerciali e autonome non abituali

L’Agenzia sottolinea quindi che sono esclusi i soggetti che producono redditi non inclusi tra quelli d’impresa o agrario: ad esempio, coloro che svolgono attività commerciali o attività di lavoro autonomo non esercitate abitualmente.

L’Agenzia precisa che “…le persone fisiche che esercitano attività d’impresa o di lavoro autonomo (o siano titolari di reddito agrario) che contestualmente possiedono lo status di «lavoratore dipendente» possono comunque fruire del contributo a fondo perduto Covid-19 (fermo restando il rispetto degli ulteriori requisiti previsti) in relazione alle predette attività ammesse al contributo stesso.

Ammessi i soci lavoratori dipendenti

Ciò vale anche nel caso di soci lavoratori dipendenti. Pertanto, ad esempio, nell’ipotesi in cui i soci di una società assumano anche il ruolo di dipendenti della medesima, quest’ultima avrà la facoltà di fruire del contributo a fondo perduto Covid-19, sussistendone gli ulteriori requisiti.

Tali considerazioni valgono anche nell’ipotesi di un soggetto persona fisica che esercita un’attività d’impresa o di lavoro autonomo (o sia titolare di reddito agrario) e che contestualmente abbia lo status di pensionato”.

Clicca qui per scaricare la circolare

Vedi anche:

Contributo a fondo perduto le domande dal 15 giugno

 

Contributo a fondo perduto anche per agricoltori dipendenti e pensionati - Ultima modifica: 2020-06-16T18:10:52+02:00 da Alessandro Maresca

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome