Intervista al presidente di New Holland, Carlo Lambro. Che annuncia: Il 2021 sarà l’anno della commercializzazione del T6 a biometano

È da molti anni il volto di New Holland. Carlo Lambro, bolognese ma ormai cittadino del mondo, dal 2013 è al vertice del marchio ‘in blu’ di Cnh Industrial. Ma la storia che lo lega a queste macchine è ormai trentennale. E non è un caso che molti, al di là del ruolo apicale, lo considerino l’uomo New Holland per definizione. Ecco il Lambro-pensiero in un momento davvero particolare per la meccanizzazione agricola italiana e mondiale.

Carlo Lambro

Partiamo dal 2020, anno difficile per tutti. Come è stato per New Holland? Numeri, quote, andamenti e tendenze
«A livello globale, New Holland ha chiuso il 2020 con una performance solida che ha confermato la forza del marchio. In Nord America, in un mercato agricolo generalmente resiliente, New Holland ha guadagnato mercato nel segmento delle attrezzature da fieno e foraggio mentre ha generalmente mantenuto la propria posizione su mietitrebbie e trattori. In Sud America il 2020 è stato un anno particolarmente soddisfacente specialmente per quanto riguarda la partecipazione di New Holland nel mercato dei trattori ma anche per quello delle mietitrebbie confermando di essere un brand leader di riferimento. Anche in Australia il 2020 ha riservato soddisfazioni soprattutto per quanto riguarda le performance delle mietitrebbie dimostrando l’apprezzamento globale della nostra CR. Infine Il settore europeo delle macchine agricole ha sofferto più delle altre regioni a causa della pandemia, registrando un marcato calo dei volumi di vendita annui in tutti i segmenti nonostante in molti Paesi vi sia stata una ripresa nel secondo semestre. In questo contesto, New Holland ha chiuso l’anno solo con una leggera contrazione della propria quota di mercato complessiva e ha mantenuto la sua posizione di leadership in vari mercati e tra questi l’Italia dove come sappiamo gli effetti della pandemia si sono fatti sentire per primi nel mercato.

 

 

Sempre più full liner

La politica verso la full line come continuerà? Cosa vi manca? Soddisfatti dell’acquisto di Kongskilde di qualche anno fa?
Nel 2021 ci concentreremo sul consolidamento della nostra vision come marchio full-liner. A tale scopo, continueremo a sviluppare l’intera gamma dei nostri prodotti per offrire proposte di valore forti in ogni segmento agricolo e seguiteremo, inoltre, ad ampliare il raggio d’azione e la portata delle nostre iniziative di Clean Energy Leader introducendo innovazioni e nuove importanti partnership.
Riguardo Kongskilde, uno dei nostri primi obiettivi dell’acquisizione è stato quello di offrire ai nostri clienti un’ampia gamma di prodotti per la preparazione delle colture e per la produzione con il marchio New Holland. A tre anni dall’acquisizione, questo obiettivo è stato raggiunto, ma il lavoro non è finito e continuiamo a investire per rafforzare ulteriormente la nostra posizione.

Methan Power New Holland, avanti tutta

Siete avanti sulla sostenibilità. Il trattore a biometano è (quasi) una realtà. Quando lo vedremo in listino? Ma, soprattutto, manca il sistema di distribuzione: come vi muoverete? Cosa può fare New Holland?
Dalla presentazione della prima unità di produzione T6 Methane Power ad Agritechnica nel 2019 non ci siamo mai fermati e abbiamo, nel frattempo, condotto un ampio programma di test in Europa e Brasile. Nonostante le interruzioni dovute al Covid-19, siamo rimasti concentrati sulle attività di ingegneria e le prove sul campo. Oggi, il T6 Methane Power è arrivato alle fasi finali di collaudo.
Il trattore a metano punta a diventare pienamente disponibile in commercio nel 2021 e già entro la prima metà dell’anno le prime unità prodotte saranno consegnate a clienti selezionati in Germania, Francia, Italia, Regno Unito e Benelux, tutti mercati chiave dove la produzione di biogas è già ad uno stadio avanzato.
Il trattore alimentato a metano verrà inserito nella gamma New Holland entro la fine dell’anno e sarà disponibile per tutti i clienti in Europa e di altri mercati in tutto il mondo. Questo consoliderà ulteriormente l’indiscusso vantaggio competitivo di New Holland nei motori a energie alternative.
Sulla distribuzione, stiamo lavorando con fornitori e installatori locali a una varietà di opzioni.

A proposito di prodotti: senza bruciare tutte le novità, cosa lancerete nel 2021?
In New Holland investiamo costantemente sull’ampliamento della nostra offerta con nuove gamme, nuovi modelli e continue innovazioni.
Oltre alla commercializzazione del T6 Methane Power, la strategia Clean Energy Leader amplierà il raggio d’azione con nuove partnership che introdurranno altre innovazioni nel settore delle macchine speciali: il prototipo di un nuovo trattore a biometano testato nei vigneti dell’azienda vitivinicola Fontanafredda e un concept innovativo per l’elettrificazione di attrezzi per vigneti e frutteti sviluppato con il produttore italiano Nobili.

Con Fpt nelle terre del Barolo

La prima partnership con il produttore italiano di vino Barolo Fontanafredda, è un progetto che mira ad azzerare le emissioni di carbonio delle attività viticole. New Holland e FPT Industrial stanno, infatti, testando nei suoi vigneti il prototipo di un nuovo trattore a biometano derivato da un modello standard di TK New Holland.

Il trattore monta il nuovo motore F28 di FPT Industrial, eletto Diesel of the Year 2020. Testato nei vigneti di Fontanafredda è un trattore alimentato a biometano, con l’obiettivo di ottenere la prima produzione vinicola a zero emissioni di CO2, un importante passo verso la decarbonizzazione della filiera vitivinicola.

New Holland e Nobili insieme per l'elettrificazione

La seconda partnershipè un progetto sviluppato insieme al produttore italiano di attrezzi Nobili un concept innovativo per l’elettrificazione di attrezzi per vigneti e frutteti. Combina il T4.110V di New Holland con un generatore esterno e-Source conforme alle linee guida AEF High Voltage. Per la prima volta nel settore, il generatore azionato dalla PTO del trattore è l’unica fonte di energia che alimenta l’irroratrice e-Sprayer e la trincia e-Mulcher. Questa rivoluzionaria innovazione ha ricevuto il premio Technical Innovation 2020/21 Award all’Eima International.
Da ricordare poi, la mietitrebbia CH7.70 Crossover Harvesting™ che abbiamo lanciato lo scorso luglio e che sarà commercializzata nella prima metà del 2021, rappresenta un salto di qualità in termini di tecnologia e produttività, offrendo una capacità e una versatilità senza pari nel mercato delle mietitrebbie di fascia media.
Il nuovo modello ad alta capacità della Pressa BigBaler High Density, provvisto di tre forche convogliatrici a 3 denti, e che offre le stesse impareggiabili performance della premiata versione Cutter.
Il trattore T6.160 Dynamic Command™ a 6 cilindri: una vera macchina polivalente che abbina in modo unico le dimensioni compatte, il motore a 6 cilindri e l’esclusiva tecnologia Dual Clutch di New Holland.
Le soluzioni per l’Agricoltura di Precisione verranno ulteriormente potenziate con nuovi servizi sul MyPLM Connect Portal, come il Remote Services, che permette ai concessionari di effettuare la diagnostica e operazioni al software da remoto, e la totale integrazione di AgDNA nel portale che permetterà di visualizzare automaticamente i dati agronomici chiave, per poter migliorare i settaggi di guida.

Cresce il rapporto con Maschio Gaspardo

L’offerta di attrezzi di New Holland si arricchirà, in alcuni mercati europei, del nuovo ripuntatore e degli erpici a dischi compatti di Maschio Gaspardo e di un coltivatore a filare SCR portato posteriormente per il diserbo interfilare. E infine le pale gommate New Holland sono state ulteriormente migliorate per consentire maggiori risparmi in termini di TCO e migliorare l’esperienza dell’utente.
Queste sono solo alcune delle novità dei prossimi mesi. Nella seconda parte dell’anno, infatti, contiamo di lanciare nuovi prodotti che contribuiranno ad ampliare e migliorare la linea completa di macchine e attrezzature New Holland.


 

«Siamo soddisfatti dell’acquisto, ormai triennale, di Kongskilde nel comparto delle attrezzature.
Anche nel 2021 ci concentreremo sul consolidamento della nostra vision come marchio full-liner.
Il lavoro comunque non è finito e continuiamo a investire per rafforzare ulteriormente la nostra posizione»


 

 

Il nodo delle fiere e il lancio di Youniverse

«La situazione Covid-19 è in continua evoluzione. Siamo in stretto contatto con le organizzazioni delle fiere agricole europee – evidenzia Lambro – per sviluppare insieme progetti futuri, nel massimo rispetto della salute di dipendenti, clienti e visitatori; pertanto, a causa di questa situazione fluida, prenderemo una decisione riguardo la nostra partecipazione a Eima International di Bologna o al Sima parigino a tempo debito.
Nel frattempo, New Holland sta pianificando altri eventi digitali per mantenere un contatto regolare con i suoi clienti, concessionari e i rappresentanti della stampa, a partire dall’organizzazione della fiera digitale Youniverse, che si terrà prossimamente dal 9 al 18 aprile e in occasione della quale accoglierà i visitatori presso il suo stand virtuale.
Youniverse sarà la prima fiera digitale organizzata da Cnh Industrial e ospitata su una nuova piattaforma interattiva che condurrà i partecipanti lungo un percorso di scoperta di “infotainment” (informazione e intrattenimento) unica e completamente immersiva.

 

Intervista di Terra e Vita n. 7/2021
Abbonati e accedi all’edicola digitale
Lambro: «New Holland sta testando il trattore a biometano da vigneto» - Ultima modifica: 2021-03-04T12:41:54+01:00 da Gianni Gnudi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome