Malattie fungine e fitofagi al centro delle prove di lotta

caa giorgio nicoli
Il Centro di saggio del Caa dispone di un laboratorio dotato di numerose celle climatizzate e in grado di supportare prove di campo su ogni tipo di coltura

Il Centro agricoltura ambiente “Giorgio Nicoli” srl (Caa) continua, nel solco tracciato da oltre 30 anni di storia, a sviluppare la sua mission per lo sviluppo di tecnologie a basso impatto per l’agricoltura e l’ambiente. Nonostante le recenti vicissitudini che hanno visto la distruzione di una parte delle sue strutture, anche per il 2019 il programma di lavoro è molto ricco e ambizioso.

Tecniche a basso impatto al Caa Giorgio Nicoli

Il Caa effettua prove di campo volte a sviluppare e diffondere tecniche innovative di difesa a basso impatto ambientale nei confronti di organismi dannosi alle colture agrarie. Queste tecniche includono l’adozione di strategie di lotta biologica e naturale mediante l’impiego di organismi utili, utilizzati specialmente per il controllo di insetti fitofagi esotici, come nel caso dell’impiego dell’Imenottero Calcidoideo Torymus sinensis parassitoide della vespa cinese del castagno (Dryocosmus kuriphilus).Una caratteristica importante che ha sempre contraddistinto il Caa è l’assoluta indipendenza rispetto alle strutture di commercializzazione dei prodotti fitosanitari, rendendo il Caa un interlocutore imparziale delle principali società produttrici di prodotti per l’agricoltura.

Il Centro di saggio

Per questo tipo di attività, il Caa si avvale di un proprio Centro di saggio che dispone di un attrezzato laboratorio, dotato di numerose celle climatizzate e in grado di supportare prove di campo su ogni tipo di coltura. Le attività riguardano gli ambiti del diserbo, dell’entomologia, della nematologia e della patologia vegetale e si focalizzano sui seguenti argomenti:

  • efficacia di prodotti fitosanitari;
  • sviluppo di resistenza a principi attivi nell’ambito di popolazioni di insetti;
  • effetti collaterali dei fitofarmaci nei confronti di organismi utili;
  • incidenza degli attacchi di organismi dannosi sulla resa;
  • fitotossicità nei confronti delle piante o dei prodotti vegetali;
  • efficacia di nuove trappole attrattive a feromoni.
caa giorgio nicoli
Il Caa effettua prove di campo volte a sviluppare e diffondere tecniche innovative di difesa a basso impatto ambientale nei confronti di organismi dannosi alle colture agrarie

Il Centro di saggio del Caa esegue prove per conto di numerose società che producono e commercializzano fitofarmaci destinati all’agricoltura, ma collabora attivamente anche con importanti strutture pubbliche e consorzi di produttori. Esegue infatti, per conto del Servizio fitosanitario regionale dell’Emilia – Romagna, indagini volte a garantire la predisposizione di piani di difesa e consentire la verifica locale dell’efficacia di nuovi prodotti fitosanitari. Nel 2019 sono previste prove di lotta nei confronti di malattie fungine su pomacee, drupacee, colture orticole e cereali. Per quanto riguarda il contenimento delle infestazioni di fitofagi, sono invece previste prove di lotta su drupacee, leguminose e colture orticole.

Su incarico del Consorzio Agribologna sca, vengono infine condotte prove sperimentali che mirano alla predisposizione di efficaci strategie di controllo biologico delle principali avversità delle colture orticole di maggiore interesse per la provincia di Bologna.

Per informazioni: Caa Giorgio Nicoli Srl

Malattie fungine e fitofagi al centro delle prove di lotta - Ultima modifica: 2019-04-08T17:06:04+00:00 da K4

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome