Manca manodopera per raccogliere la frutta? Ci pensa il robot

Kubota investe 20 milioni di dollari in un'azienda israeliana specializzata nella costruzione di robot per la raccolta della frutta

Partnership con un investimento da 20 milioni di dollari tra la giapponese Kubota e l'israeliana Tevel, per sviluppare robot autonomi per la raccolta della frutta. Uno strumento sempre più necessario per i frutticoltori, anche considerando le difficoltà di reperimento della manodopera accentuate dalle restrizioni agli spostamenti rese necessarie per tentare di limitare la diffusione del Covid-19.

Manodopera sempre più difficile da gestire

"Ogni anno più di 800 milioni di tonnellate di frutta sono prodotte in un'area di 70 milioni di ettari in tutto il mondo, rappresentando un valore di mercato annuale di un trilione di dollari – scrive Kubota in una nota – gli agricoltori spendono annualmente 100 miliardi di dollari per la raccolta della frutta e reclutano oltre 10 milioni di lavoratori temporanei per un breve periodo per raccogliere la frutta. Questi lavoratori stagionali sono sempre più difficili da trovare, reclutare, formare, impiegare e fornire di alloggi temporanei".

 

 

La ricerca e la gestione dei lavoratori sul campo durante la stagione della raccolta è un vincolo importante che mette a rischio i loro investimenti e la loro redditività per la stagione, così come la loro capacità di raccogliere tutta la frutta in una finestra temporale breve e difficile.

Inoltre, a causa della difficoltà di varcare le frontiere e dei limiti imposti sui viaggi internazionali durante la pandemia, la crisi del Covid-19 ha ulteriormente aggravato la carenza di manodopera e aumentato il rischio nella produzione di frutta, limitando la disponibilità di lavoratori migranti. Pertanto, la soluzione di Tevel aumenta la sicurezza alimentare globale fornendo una catena di approvvigionamento disponibile e affidabile.

Tevel, fondata nel 2017 in Israele, sta sviluppando robot autonomi volanti per la raccolta della frutta che combinano AI (intelligenza artificiale) con computer vision, robotica avanzata, ingegneria aeronautica, controllo di volo all'avanguardia, acquisizione e fusione dei dati.

«Attraverso ulteriori innovazioni, continueremo a dare il nostro contributo al mondo nel campo del cibo, dell'acqua e dell'ambiente, guardando alla società post-Covid-19» ha affermato il chairman e representative director di Kubota Yuichi Kitao

«Con il nostro investimento in Tevel, abbiamo stretto una partnership con una delle aziende tecnologiche più all’avanguardia nella raccolta della frutta. Kubota è impegnata a contribuire a risolvere i problemi dei frutticoltori, garantendo la sicurezza dei tempi e della qualità del raccolto e a far fronte ai crescenti problemi di manodopera che i coltivatori devono affrontare al giorno d'oggi» ha aggiunto il general manager dell'Innovation centre Europe Peter van der Vlugt.

Manca manodopera per raccogliere la frutta? Ci pensa il robot - Ultima modifica: 2021-01-27T18:35:04+01:00 da Terra e Vita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome