Pesche e nettarine, oltre 7mila t potranno essere ritirate

    pesche
    Aumentato di 4.760 tonnellate il quantitativo di pesche e nettarine che sarà possibile ritirare per far fronte alla crisi di mercato. Ma secondo Minguzzi (Fruitimprese) l’Italia è stata penalizzata

    Arriva a 8.640 tonnellate il quantitativo di pesche e nettarine che potranno essere ritirate dal mercato per sostenere i produttori e fronteggiare la crisi del settore.

    Il provvedimento è frutto del regolamento d’urgenza approvato dalla Commissione europea per un aumento dei plafond di Italia, Spagna e Grecia per pesche e nettarine pari a 3 volte i quantitativi attualmente previsti dal regolamento vigente e legato all’embargo russo.

    La decisione europea si traduce per l’Italia in un incremento di 4.760 tonnellate di prodotto. Il plafond di ritiro previsto inizialmente dal regolamento Ue era infatti di 2.350 tonnellate. A questo quantitativo il ministero ha aggiunto, nelle settimane scorse, una riserva di 1.500 tonnellate. Con il nuovo regolamento europeo vengono triplicati i plafond del precedente, che per l'Italia significa passare dalle 2.380 tonnellate (già utilizzate) a 7.140, quindi con una possibilità di ritiro aggiuntiva di 4.760. Se si aggiunge anche la riserva concessa dal ministero di 1.500, in tutto potranno essere ritirate fino a 8.640 tonnellate.  Il regolamento verrà pubblicato il prossimo 9 settembre, ma prevede già un effetto retroattivo al 3 agosto.

    I quantitativi di prodotto ritirati dal mercato, per i quali la Commissione europea riconosce agli agricoltori un prezzo stabilito dal regolamento che copre i costi di produzione, vengono destinati in larga parte alla beneficenza (enti caritativi e associazioni) e alla realizzazione di prodotti di distilleria.

    La decisione di Bruxelles arriva dopo l’incontro di Areflh, lo scorso 8 agosto a Bruxelles, con la direzione generale agricoltura della Commissione europea a seguito di una richiesta urgente da parte dall’assessore all'agricoltura dell'Emilia-Romagna Simona Caselli. Contemporaneamente il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali aveva aumentato di 1.500 tonnellate la quantità di prodotto che era possibile ritirare dal mercato. In quella sede era stato assunto l’impegno di chiedere alla Commissione di rivedere la distribuzione tra i Paesi europei e, all’interno degli stessi, delle quote di ritiro per le diverse tipologie di frutta.

    La crisi del mercato di pesche e nettarine risente in modo particolare dell’embargo russo imposto dal 2014. La riduzione delle esportazioni e un andamento produttivo fortemente influenzato da caldo e siccità, con produzione di frutti di piccole dimensioni e una maturazione anticipata e diffusa, ha determinato una crisi dei prezzi e l’esaurimento, già al 31 luglio, delle quote di ritiro previste dal regolamento europeo.

    Secondo Giancarlo Minguzzi di Fruitimprese però «è fin troppo semplice comunicare che le quantità di pesche e nettarine che ci sono state assegnate con questo ritiro straordinario è di 7mila tonnellate quando alla Spagna ne sono state accordate quasi 20mila. Viene da pensare che siamo stati penalizzati».

    «La crisi del mercato delle drupacee, pesche e nettarine in particolare - prosegue Minguzzi -, è la conseguenza innanzitutto di produzioni impossibili da controllare sia in Italia che nel resto del Sud Europa. In secondo luogo non possiamo ignorare le quantità di prodotto magrebino (in particolare Marocco) che entrano sul mercato europeo ‘patentate’ come spagnole».

    Pesche e nettarine, oltre 7mila t potranno essere ritirate - Ultima modifica: 2017-08-28T14:23:56+00:00 da Alessandro Maresca

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento
    Per favore inserisci il tuo nome