Grano duro, Confagricoltura: attenzione ai falsi miti sul prezzo

grano duro
Secondo il presidente della confederazione emiliano-romagnola Marcello Bonvicini la filiera del grano duro made in Italy va costruita con una visione comune all’interno di un'organizzazione interprofessionale capace di unire produttori, stoccatori, commercianti e industriali del settore molitorio, pastaio e mangimistico

«Attenzione ai falsi miti. La flessione del prezzo del grano duro non dipende dal Ceta – avverte il presidente di Confagricoltura Emilia-Romagna Marcello Bonvicini – bensì da dinamiche dell’economia globale. In particolare la maxi offerta proveniente da Paesi produttori top e il cambio euro/dollaro sfavorevole per la nostra produzione nazionale». Secondo Bonvicini è scorretto e inutile continuare a illudere gli agricoltori. «Assistiamo ogni giorno a proclami di vittoria quando finora nulla si è fatto. Con l’incognita dell'instabilità dei mercati a evidenziare le varie dicotomie».

Grano duro, filiera da costruire con una Oi

«La filiera del grano made in Italy va costruita realmente con una visione comune – ragiona il presidente della confederazione regionale – all’interno di un'organizzazione interprofessionale capace di unire attorno a un tavolo tutte le sue componenti. Produttori, stoccatori, commercianti, con gli industriali del settore molitorio, pastario e mangimistico, per dare un futuro alle nostre produzioni. Altrimenti, questa filiera ideale, rimarrà sempre un concetto astratto. Il mercato dei prezzi dimostra che slogan e bandiere non generano un valore economico. Bisogna invece definire e condividere, insieme agli attori della filiera, strategie di valorizzazione della produzione nazionale. Tenendo conto delle dinamiche internazionali e di variabili difficilmente calcolabili».

 

 

grano duro
Marcello Bonvicini

Quotazioni comunque più alte di un anno fa

Sull’attuale campagna vendita del grano duro, cominciata con la prima quotazione alla Borsa Merci di Bologna lo scorso 2 luglio, interviene il presidente dei cerealicoltori di Confagricoltura Emilia-Romagna, Lorenzo Furini: «Da luglio a oggi, il prezzo è sceso da 303-308 a 280-285 euro a tonnellata. L’attività molitoria procede nella norma, mantenendo una posizione cosiddetta “attendista” senza l’esigenza di richiedere ulteriori quantitativi di prodotto perché i magazzini sono pieni. Come vedere il bicchiere mezzo pieno? A settembre dello scorso anno le quotazioni erano ferme a 227 euro a tonnellata per poi risalire, a partire dalla prima decade di ottobre, fino a raggiungere 257 euro a tonnellata a dicembre e 262 euro/t a febbraio. Speriamo di chiudere con un andamento al rialzo anche la campagna commerciale 2020-2021, una volta terminata l’elevata offerta di grano duro dall’estero».

Inoltre, Confagricoltura sottolinea che la domanda di prodotti alimentari provenienti da filiere nazionali è in costante crescita. Quindi l’industria di trasformazione cercherà sempre più materie prime italiane.

Grano duro, Confagricoltura: attenzione ai falsi miti sul prezzo - Ultima modifica: 2020-10-11T18:36:49+02:00 da Terra e Vita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome