Per il futuro prossimo del Crea pronto un Commissario

ricerca Crea
Dopo le dimissioni dei consiglieri di amministrazione e del presidente, il Ministro Centinaio incontra le Organizzazioni sindacali e rassicura sulla stabilità organizzativa del Crea (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria)

Con una nota stampa il Ministro delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo Gian Marco Centinaio comunica di aver incontrato le organizzazioni sindacali Cgil-Cisl-Uil del comparto ricerca relativamente alla vicenda Crea.

Il Ministro ha voluto, innanzitutto, ripercorrere gli ultimi eventi che lo hanno indotto ad avviare, a seguito delle dimissioni di tutti i consiglieri e del Presidente, la procedura diCrea commissariamento del Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria (Crea). Si tratta di un'esigenza reale per consentire all'ente di salvaguardare i risultati raggiunti, di consolidarli e di sviluppare ulteriori percorsi di crescita.

Nessun blocco delle attività

A tal fine, il Ministro vigilerà affinché non siano intaccati nel loro complesso i trasferimenti finanziari e allo stesso tempo ha assicurato che non si bloccherà la procedura di stabilizzazione del personale già avviata.

Inoltre, il Ministro ritiene, condividendo l'impostazione delle associazioni sindacali, di garantire la stabilità organizzativa dell'ente stesso. I processi di riorganizzazione continua creano instabilità.

Centinaio ha voluto anche assicurare le stesse sigle sindacali. che il Crea baserà le proprie scelte sulla competenza professionale e sulla valorizzazione del personale interno. Un nuovo incontro si terrà al momento dell'insediamento del Commissario.

Il Ministro ha poi chiesto e ottenuto in questa fase la massima collaborazione delle organizzazioni sindacali anche al fine di individuare le problematiche su cui il Commissario dovrà concentrare la propria attività.

 

Per il futuro prossimo del Crea pronto un Commissario - Ultima modifica: 2019-04-04T16:46:06+00:00 da Gianni Gnudi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome