L’Eima fa già il botto: record di adesioni a dieci mesi dal debutto

Alessandro Malavolti e Simona Rapastella, presidente e direttore generale di FederUnacoma
L'Eima si presenta a Fieragricola con spazi già ora quasi esauriti e con il boom di richieste. Ora il Sima anticipato fa meno paura

Eima international pronta a un'edizione da record. La manifestazione bolognese (11-15 novembre 2020), a dieci mesi dall’evento, ha già raccolto l'adesione di 1.600 aziende (600 delle quali estere).

Verso i 2.000 espositori

Secondo FederUnacoma, l'associazione che rappresenta i costruttori di macchine agricole e che organizza la grande rassegna internazionale della meccanica agricola, potrebbe essere eguagliato e superato il massimo storico della rassegna, raggiunto nel 2018 con 1.950 aziende espositrici. Secondo le previsioni degli organizzatori, gli espositori che hanno partecipato all'edizione del 2018 dovrebbero confermare in toto la loro presenza visto l'alto tasso di fidelizzazione alla manifestazione.

 

 

A questi si aggiungono circa cento aziende "new entry" che hanno già formalizzato la richiesta di partecipazione. «A oggi - spiega a Fieragricola il direttore generale di FederUnacoma Simona Rapastella - risulta già virtualmente occupato il 90% delle aree espositive con una copertura merceologica completa. La presenza di aziende e modelli è particolarmente consistente nei settori IV (lavorazione e preparazione del terreno), II (bonifica e forestazione) e nei Saloni di Eima Idrotech (sistemi per l’irrigazione) e di Eima Componenti.

Altro nuovo padiglione

Molte le novità previste, a partire da quelle logistiche e organizzative. Ai due nuovi padiglioni - il 29 e il 30 inaugurati nel 2018 - se ne aggiungerà un terzo, il 37, che si sviluppa su 16mila mq lordi e che presenta i più alti standard architettonici e funzionali. Un'altra importante novità riguarda i parcheggi che, eliminati dalle aree interne del quartiere fieristico, saranno potenziati all'esterno.

Una salone per il digital

L'area tematica di Eima Digital diviene un vero e proprio Salone sulle tecnologie dell'agricoltura 4.0 e prevede anche uno spazio per le numerose Start up del comparto, andando così  ad aggiungersi ai Saloni Eima Green e di Eima Energy, e ai già citati Eima Idrotech ed Eima Componenti.
«Ma il vero tema forte dell'edizione 2020 di EIMA International - ricorda Rapastella - è ancora una volta l'innovazione. Ed è proprio per valorizzare le nuove tecnologie sviluppate dalle industrie
della meccanica agricola che il concorso "Novità Tecniche" prevede, circa due mesi prima della rassegna, un evento specificamente dedicato.

Le novità tecniche giocano d'anticipo

L'appuntamento è infatti per metà settembre a Bologna con un’anticipazione delle tecnologie premiate, che poi verranno messe in mostra all’Eima, e permetterà alle case costruttrici di illustrare nel dettaglio i contenuti tecnici delle proprie innovazioni.
Sempre in tema di concorsi, Eima International vede quest'anno il debutto di una nuova iniziativa con il "contest" relativo agli allestimenti espositivi.

«Una commissione di esperti - conclude Rapastella - premierà gli stand più performanti dal punto di vista estetico e della funzionalità, sottolineando la crescente propensione delle case costruttrici a valorizzare i prodotti meccanici nel loro design e a promuovere il brand aziendale mediante un’immagine coordinata sempre più efficace e attraente».

L’Eima fa già il botto: record di adesioni a dieci mesi dal debutto - Ultima modifica: 2020-01-29T22:33:53+01:00 da Gianni Gnudi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome