Nuova Sabatini, sbloccato il rifinanziamento

Giuseppe L'Abbate
Pronti 680 milioni per il rifinanziamento della nuova Sabatini, dopo il precoce esaurimento del precedente stanziamento da 93 milioni. Lo annuncia l'Onorevole Giuseppe L'Abbate che tra i primi aveva chiesto di non abbandonare una misura che rafforza la competitività delle piccole e medie imprese agricole favorendo gli investimenti in tecnologie e digitalizzazione

«Pronto un emendamento del Governo al decreto Sostegni-bis per stanziare 680 milioni di euro finalizzati al rifinanziamento della cosiddetta Nuova Sabatini».

Lo annuncia Giuseppe L’Abbate, ex sottosegretario e oggi esponente M5S in Commissione Agricoltura alla Camera alla luce dell’annunciato rifinanziamento da parte del Governo dello strumento di incentivi alle imprese "Beni Strumentali - Nuova Sabatini".

 

 

Un provvedimento atteso: lo aveva chiesto prima Confagricoltura, poi Copagri (chiedendo l'allargamento anche alla misura Isi agricoltura) e tutte le altre associazioni agricole.

Bruciati i precedenti 93 milioni

L'Abbate aveva infatti denunciato la precoce chiusura dello sportello attivato dal Ministero dello Sviluppo economico, lo scorso 2 giugno, dopo il precoce esaurimento delle disponibilità finanziarie.

«Grazie alle modifiche introdotte nell’ultima Legge di Bilancio - mette in evidenza L’Abbate - che hanno permesso l’erogazione in un’unica tranche del contributo, a fronte delle sei precedenti, si era infatti registrato un boom di richieste nell’ultimo periodo che ha visto prosciugare le risorse a disposizione, pari a 93 milioni di euro». Da qui la decisione del Governo Draghi di alzare la posta in gioco fino a 680 milioni.

Rafforzare la competitività

«Questa misura - conferma L'Abbate - rappresenta uno dei principali strumenti agevolativi nazionali che persegue l’obiettivo di rafforzare il sistema produttivo e competitivo delle piccole e medie imprese, agricole e agroalimentari in particolare, attraverso il sostegno all’acquisto o leasing di macchinari, impianti, beni strumentali, attrezzature, hardware e beni immateriali come software e tecnologie digitali a uso produttivo».

Dal 2014 ad oggi, oltre 67mila imprese hanno potuto beneficiare dei vantaggi di questa legge con un investimento medio di circa 200mila euro per 126.237 domande ricevute e un contributo erogato di circa 2,1 miliardi di euro a fronte di 25 miliardi di euro di finanziamenti concessi dagli istituti bancari.

Nuova Sabatini, sbloccato il rifinanziamento - Ultima modifica: 2021-06-22T15:40:45+02:00 da Lorenzo Tosi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome