Po ancora in secca nonostante le piogge

La sabbia del letto del fiume Po in secca a Zibello in provincia di Parma.
L’esito del primo monitoraggio dell'Osservatorio dell’autorità di bacino lo conferma: la portata del Po è ancora a -30% e ora preoccupa l’arrivo del caldo

Resta alta l'attenzione sul fiume Po la cui portata è ancora sotto il 30% rispetto alla media stagionale. Nonostante le recenti piogge, a preoccupare è il previsto rialzo delle temperature, non rassicurante.

I bacini più aridi

È quanto emerso dal primo incontro dell'Osservatorio permanente sugli utilizzi idrici dell'Autorità distrettuale del fiume Po (AdbPo) che mantiene alta la guardia sui sottobacini più aridi del grande fiume:

 

 

  • Val Trebbia (Piacenza),
  • area di Boretto (Reggio Emilia) - dove l'impianto idrovoro di prelievo è insabbiato
  • alcune zone del Bolognese.

Aprile rinfrancante

Rispetto a marzo, spiega l'autorità, il mese di aprile ha già fatto registrare precipitazioni in grado di migliorare parzialmente il generale contesto del distretto, tra «i più aridi rilevati a inizio di stagione primaverile», tanto che per le colture era stata anticipata al primo marzo l'irrigazione d'emergenza. Altre piogge sono attese e queste potranno contribuire a innalzare i livelli idrometrici.

Leggi anche:

Po in sofferenza nonostante le ultime piogge

Ma le temperature in aumento vanificheranno le recenti piogge

Tuttavia, il contestuale aumento delle temperature potrebbe vanificare questo contributo a causa della possibile evapotraspirazione nei terreni. La sintesi dell'osservatorio è che al momento, complessivamente, la criticità del distretto è bassa, ma il monitoraggio sarà costante. I prossimi due punti sulla situazione saranno fatti l'11 maggio e l'11 giugno.

Po ancora in secca nonostante le piogge - Ultima modifica: 2021-04-20T17:29:43+02:00 da Lorenzo Tosi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome