I teli biodegradabili in Mater-Bi di Novamont per un’agricoltura sostenibile

L'utilizzo dei teli biodegradabili in Mater-Bi prodotti da Novamont è in linea con gli obiettivi Onu sullo sviluppo sostenibile

La Roadmap per la sostenibilità delle Nazioni Unite è inclusa nell’Agenda 2030 dove sono contenuti gli Obiettivi dello Sviluppo Sostenibile (OOS/SDGs - Sustainable Development Goals). In questo documento vengono definite le priorità e le aspirazioni ambientali per il 2030 a livello globale e si cercano di mobilitare gli sforzi per raggiungere una serie di obiettivi e traguardi comuni.

Gli OSS richiamano i governi mondiali, il mondo produttivo e la società civile a mettere fine alla povertà e a creare le condizioni per una vita dignitosa e di opportunità per tutti. Gli OSS esplicitamente richiedono a tutto il mondo produttivo di applicare creatività e innovazione per risolvere le sfide dello sviluppo sostenibile.

I teli di pacciamatura certificati biodegradabili in suolo possono essere considerati uno strumento per rispondere agli Obiettivi dello Sviluppo Sostenibile (OOS/SDGs - Sustainable Development Goals) delineati dalle Nazioni Unite nell’Agenda 2030.

In linea con gli obiettivi Onu

Questo è quanto emerge da uno studio condotto sui teli per pacciamatura biodegradabili in Mater-Bi di Novamont, dal quale è risultato che l’utilizzo in agricoltura di questi film permette di raggiungere 8 dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (OOS) indicati dalle Nazioni Unite. Sono stati individuati 6 indicatori che corrispondono alle caratteristiche d’uso dei teli di pacciamatura in Mater-Bi. In tabella 1 sono riportati gli OOS e gli indicatori relativi alle caratteristiche dei teli di pacciamatura.

tab. 1 In funzione delle principali tematiche sono stati scelti indicatori che corrispondono al raggiungimento di OOS
Tematica Indicatore Corrispondenti OOS (vedi box in fondo al testo)
1 Ambiente (suolo) Biodegradazione/ecotossicologia 2, 14 e 15
2 Prevenzione nella produzione di rifiuto Circolarità di prodotto 2 e 12
3 Uso di materiali rinnovabili Rinnovabilità 9 e 12
4 Profilo ambientale Life cycle analysis 12 e 13
5 Funzionalità di prodotto Proprietà d’uso e prestazioni Agronomiche 2, 12 e 16
6 Aspetti economici (prospettiva degli utilizzatori) Conto economico 8

Grazie alla loro biodegradabilità in suolo i teli in Mater-Bi permettono di raggiungere 3 degli obiettivi previsti sul tema Ambiente, ovvero la produzione di alimenti, promuovendo un’agricoltura, sostenibile (OOS 2), favorire uno sviluppo sostenibile per quanto riguarda le risorse marine ed acquatiche (OSS 14) e proteggere e favorire l’ecosistema terrestre (OOS 15). Inoltre uno degli elementi caratterizzanti i teli di pacciamatura biodegradabili è proprio quello di prevenire la produzione di un rifiuto plastico tecnicamente ed economicamente difficile da riciclare, rispondendo così, oltre che a OOS 2 anche a OOS 12, ovvero garantire modelli sostenibili di produzione e consumo.

Risposta alle richieste del bio

Novamont ha anche lavorato per incrementare la rinnovabilità delle materie prime contenute nei teli di pacciamatura in Mater-Bi, rispondendo così alle richieste del mondo dell’agricoltura biologica. A questo proposito è da ricordare che il materiale a più alto contenuto di materia rinnovabile, sviluppato per l’agricoltura biologica ha ricevuto da pochi mesi il certificato “mezzi tecnici Aiab”, programma volontario che certifica i mezzi tecnici che possono essere usati dagli agricoltori biologici. Questo incremento di rinnovabilità consente di andare nella direzione di incontrare altri due obiettivi dello sviluppo sostenibile. I dati emersi dall’analisi di LCA comparativa “dalla culla alla tomba” tra un telo di pacciamatura prodotto con il materiale biodegradabile a elevata rinnovabilità certificato Aiab e uno in plastica tradizionale, avendo come scenario di riferimento il sistema Italia, evidenziano una riduzione delle emissioni di gas serra fino al 50% a favore dei teli biodegradabili rispetto a quelli i tradizionali.

Infine, i teli biodegradabili in Mater-Bi hanno dimostrato prestazioni tecniche ed agronomiche comparabili a quelle dei teli in plastica tradizionale nelle colture orticole. Questo consente di raggiungere altri 3 obiettivi di sviluppo sostenibile.

Da un punto di vista circolare e di visione sistemica gli aspetti economici da tenere in considerazione sono rappresentati non solo dal prezzo di acquisto dei materiali, ma tutti i costi connessi al ciclo vita dei teli nel campo e fuori dal campo, ovvero i costi di rimozione, logistica e smaltimento corretti. In questa prospettiva i costi totali delle due pratiche (pacciamatura biodegradabile e pacciamatura non biodegradabile) sono molto simili. Questo, peraltro, non tiene conto dei costi delle esternalità ambientali qualora i teli non vengano correttamente smaltiti e possano essere lasciati nei suoli o bruciati illegalmente. Un altro elemento interessante da tenere in considerazione quando si parla di impatti ambientali è l’aspetto associato alla rimozione delle plastiche non biodegradabili, ovvero alla perdita di sostanza organica presente nel suolo che viene rimosso insieme al telo. La sostanza organica è un elemento fondamentale legato alla fertilità e quindi alla capacità di un suolo di garantire l’ottimale crescita dei vegetali, (ovvero la produzione di cibo).

Se si assume 1,2 % come valore medio Carbonio organico presente in un suolo (si considera circa un 2 % di sostanza organica del suolo) e che i teli plastici presentano alla rimozione generalmente una contaminazione che equivale a due volte il peso iniziale del telo, si è calcolato che ogni anno potenzialmente vengono rimossi dal suolo e i suoli europei perdono circa 1.800 tonnellate di carbonio organico (per il calcolo si sono considerate le 75 Ktonnellate di film plastico usato moltiplicato per un coefficiente 2 – ovvero la quantità di suolo rimosso – e per la percentuale del carbonio organico nel suolo. Fonte: Sare, 2018).

I teli per pacciamatura in Mater-Bi si configurano dunque come un prezioso alleato per soddisfare importanti obiettivi di sviluppo sostenibile mantenendo al contempo l’efficacia tecnica della pratica agricola.


Accordo strategico con il Consorzio del Prosecco

Novamont e Consorzio del Conegliano Valdobbiadene Prosecco hanno annunciato la sottoscrizione di un protocollo di lavoro, per la stagione agraria 2020/2021, relativo all’ottimizzazione di una tecnica colturale a basso impatto per la vite.

La tecnica consiste nell’utilizzo di teli per pacciamatura biodegradabile nei vitigni all’impianto e di formulazioni a base di acido pelargonico per il diserbo e come spollonante, da integrare, al termine della sperimentazione, nel protocollo di coltivazione del Consorzio.

In base ai termini dell’accordo, Novamont fornirà i materiali e i protocolli concordati con i tecnici del Consorzio, relativi alle superfici in prova, eseguirà i monitoraggi unitamente ai tecnici del Consorzio, elaborerà i risultati relativi all’analisi di LCA e insieme ai tecnici del Consorzio valuterà l’analisi economica.

Utilizzabile in diverse condizioni ambientali e su colture con cicli diversi con ottimi risultati agronomici, il telo in Mater-Bi, biodegradabile in suolo conformemente allo standard europeo UNI EN17033, non necessita di essere recuperato e smaltito al termine del ciclo colturale, ma può essere lasciato nel terreno ove viene biodegradato ad opera di microrganismi, contribuendo così alla riduzione della produzione di rifiuto plastico e a preservare il suolo dall’inquinamento da plastica.

In Europa vengono utilizzate annualmente circa 85.000 tonnellate di teli plastici per pacciamatura per una superficie totale di 460mila ettari. I teli per pacciamatura in plastica tradizionale (non biodegradabile) devono essere rimossi dal campo al termine del ciclo di coltivazione, spesso contaminati da residui colturali che possono incrementare il peso del 65% rispetto al telo nuovo.


I 17 obiettivi per il 2030

Sono 17 gli obiettivi di sviluppo sostenibile (OOS) definiti dalle Nazioni Unite, da raggiungere entro il 2030. Eccoli:

  1. Porre fine a ogni forma di povertà nel mondo;
  2. porre fine alla fame, raggiungere sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere un’agricoltura sostenibile;
  3. assicurare salute e benessere per tutti e per tutte le età;
  4. fornire educazione di qualità, equa ed inclusiva e opportunità di apprendimento per tutti;
  5. raggiungere eguaglianza di genere ed emancipare tutte le donne e le ragazze;
  6. garantire a tutti disponibilità e sostenibilità di acqua e strutture igienico-sanitarie;
  7. assicurare a tutti l’accesso a sistemi di energia economici, affidabili e sostenibili e moderni;
  8. promuovere una crescita economica duratura, inclusiva e sostenibile, la piena e produttiva occupazione e un lavoro dignitoso per tutti;
  9. infrastrutture resistenti, industrializzazione sostenibile e innovazione;
  10. ridurre le disuguaglianze;
  11. rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili;
  12. garantire modelli sostenibili di produzione e consumo;
  13. promuovere a tutti i livelli azioni per combattere i cambiamenti climatici;
  14. conservare e utilizzare in modo durevole gli oceani, i mari e le risorse marine per uno sviluppo sostenibile;
  15. proteggere, ripristinare e favorire un uso sostenibile dell’ecosistema terreste;
  16. pace, giustizia e istituzioni forti;
  17. rafforzare i mezzi di attuazione degli obiettivi e rinnovare il parternariato mondiale per lo sviluppo sostenibile

Maggiori informazioni su MATER-BI per la pacciamatura:
www.materbi.com

I teli biodegradabili in Mater-Bi di Novamont per un’agricoltura sostenibile - Ultima modifica: 2020-05-27T16:23:27+02:00 da Terra e Vita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome