Botrite, mal dell’esca e cimice, dal Crea un “vaccino” naturale per le piante

botrite
Nei test condotti su viti in vaso ridotti del 75% gli acini attaccati dalla botrite iniettando nelle piante un "vaccino" prodotto attraverso fermentazione batterica l‘Rna. Allo studio l'efficacia anche contro mal dell'esca e cimice asiatica

Alla sola viticoltura europea costa oltre 100 milioni di euro, ma la botrite, uno dei più importanti patogeni fungini, attacca anche fagioli, lattuga, broccoli, piccoli frutti (fragole, lamponi, more ecc...), causando ingentissimi danni, soprattutto nel post raccolta, un momento molto importante per la produzione di alcuni vini molto pregiati come Passito e Amarone o per quella di uva da tavola o uva sultanina.

Il Crea, con il suo centro di ricerca per la viticoltura e l’enologia, ha messo a punto una sorta di vaccino che consente alle piante di difendersi. Lo studio, pubblicato su Biomolecules è stato condotto nell’ambito del progetto Bioprime, finanziato dal Mipaaf.

 

 

Il metodo per produrre il "vaccino"

In laboratorio si produce naturalmente, attraverso fermentazione batterica l‘Rna, una molecola polimerica (ossia una macromolecola) naturale, implicata in vari ruoli biologici e presente in ogni organismo vivente. Questa, una volta applicata alla pianta o sui frutti in post-raccolta, induce la formazione di molecole specifiche da parte della pianta, che, comportandosi in modo simile agli anticorpi degli animali, rispondono quando quel patogeno attacca la pianta e ne bloccano la crescita.

Sperimentato su piante di vite in vaso di 6 anni, in produzione con irrigazione controllata, in ambiente semi-naturale, posizionate, cioè, a lato di un vigneto naturale per rendere le condizioni uniformi e per riprodurre il più possibile la situazione del vigneto. Nello specifico, è stata valutata l’efficacia in pre e post-raccolta (su 72 piante in totale).

botrite
Grappolo trattato con il "vaccino"

Botrite, i risultati

Sono ottimi per entrambe le sperimentazioni, con un particolare rilievo per i risultati in post raccolta: i grappoli non trattati sviluppano elevate percentuali di acini attaccati dalla botrite (oltre l’80%), mentre quelli trattati con le applicazioni di Rna hanno danni quasi impercettibili (al di sotto del 5%).

Si tratta, quindi, di un metodo sostenibile, in grado di agire solo su un singolo patogeno, senza che tutti gli altri microorganismi associati alla pianta vengano in alcun modo intaccati. Questo per la vite è un aspetto molto importante, perché il microbial terroir è un valore aggiunto e caratterizzante del prodotto finale. Inoltre, le molecole di Rna utilizzate sono assolutamente biodegradabili e la loro produzione è rispettosa per l'ambiente.

botrite
Grappolo non trattato

Le prospettive contro mal dell'esca e cimice

«La botrite è stato un modo di provare la validità del metodo poiché permette degli esperimenti rapidi e facilmente controllabili – affermano Walter Chitarra e Luca Nerva, ricercatori Crea che hanno coordinato lo studio – visti i risultati positivi, stiamo per applicare il metodo contro il mal dell’esca e contro la cimice asiatica (in concerto con gli entomologi dell’Università di Padova). Per ora, abbiamo effettuato un primo test con cimici allevate su piante di pomodoro e i risultati sono molto promettenti. La mortalità delle cimici sulle piante vaccinate era quasi il doppio rispetto alle piante controllo. Entro l’estate contiamo di completare questo lavoro e iniziare le sperimentazioni sul mal dell'esca».

Botrite, mal dell’esca e cimice, dal Crea un “vaccino” naturale per le piante - Ultima modifica: 2020-03-04T09:58:52+01:00 da nova Agricoltura

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome