Cala il consumo di carne e l’Europa diventa esportatrice netta

vegani
Le nuove tendenze dei consumi alimentari mondiali in uno studio della Commissione europea per affrontare le nuove sfide

In un documento pubblicato il 10 settembre 2019, la Commissione riporta i risultati di uno studio sui cambiamenti dei consumi alimentari nel mondo e come essi possono influenzare le scelte produttive e commerciali.

La sicurezza alimentare

La sicurezza alimentare è stata e continuerà ad essere un fattore chiave delle priorità socio-politiche a livello globale, regionale e nazionale. L'aumento della popolazione mondiale, i problemi di sostenibilità e la crescita irregolare del reddito presentano al settore agroalimentare le sfide permanenti di che sono:

  • aumentare la disponibilità totale di alimenti,
  • soddisfare la crescente diversificazione del paniere dei consumatori
  • soddisfare standard di qualità più elevati (sicurezza, ambiente, benessere ed etica),
  • mantenere gli alimenti a prezzi accessibili.

La produzione globale è in aumento, ma il livello di crescita e i modelli di sviluppo agricolo differiscono ampiamente in tutto il mondo.

Le preoccupazioni sulla carne

Lo studio rileva poi che la crescita del reddito e i cambiamenti nelle preferenze dei consumatori hanno avuto come conseguenza la crescita del consumo di cibo che però è avvenuto a un ritmo più rapido rispetto alla popolazione mondiale. Questi sviluppi hanno comportato un aumento del consumo di prodotti di maggior valore come carne e latticini nelle economie emergenti. Parallelamente, le crescenti preoccupazioni sociali e ambientali nelle economie sviluppate hanno influenzato le preferenze dei consumatori, portando ad esempio a ridurre il consumo di carne rossa.

Bovini, il record americano

Per la carne bovina, i maggiori consumatori si trovano in Nord America, con un consumo di 35 kg pro capite, seguito da vicino dal Sud America. L'UE è il quarto consumatore più grande  con 15 kg pro capite, dopo l'Oceania a oltre 20 kg pro capite. Circa il 15% della produzione globale di carne bovina viene commercializzata, con il surplus maggiore riscontrato in Sud America.

La posizione commerciale dell'UE è cambiata in modo significativo nel tempo. Negli ultimi tre decenni il consumo pro capite è diminuito a causa delle variazioni delle preferenze dei consumatori e, da un importatore netto, l'UE è diventata un esportatore netto.  La riduzione dell'offerta interna potrebbe avvicinare l'UE all'autosufficienza entro il 2020.

L'Ue punta sui suini

L'UE è di gran lunga il maggiore consumatore di carne suina, in quanto carne preferita, con un consumo superiore a 40 kg pro capite. È seguito dal Nord America a meno di 30 kg pro capite. La carne di maiale è anche la carne preferita in Asia, dove dovrebbe raggiungere i 15 kg pro capite entro il 2020. Meno dell'8% della produzione globale è commercializzata, con oltre l'80% delle esportazioni originarie del Nord America e dell'UE. Entrambe le regioni hanno avuto un leggero calo dei consumi, insieme a una maggiore produzione, portando ad un aumento del surplus. Quest'ultimo ha raggiunto il 30% di utilizzo in Nord America e il 12% nell'UE.

Uomini e polli

settore avicoloPer il pollame, il consumo aumenta in modo significativo in tutte le regioni del mondo e guadagna rispetto ad altre carni essendo più economico e più conveniente. È la prima carne consumata nelle Americhe, in Oceania e in Africa. Il maggiore consumatore è il Nord America, a oltre 50 kg pro capite, seguito dal Sud America, dall'Oceania e dall'UE a oltre 25 kg pro capite. Il 12% della produzione globale viene scambiato, con le Americhe come principali fornitori. L'UE è anche un importante esportatore di pollame per taluni tagli e importa tagli di alto valore come il seno, portando a un surplus del 5% del suo utilizzo.

Settore lattiero-caseario

L'UE e il Nord America sono i maggiori utilizzatori di prodotti lattiero-caseari con circa 270 kg di latte pro capite equivalenti. In Sud America, il consumo è cresciuto a 150 kg pro capite. Mentre in Asia raggiungerà i 70 kg pro capite nel 2020. Il consumo africano rimane stabile a meno di 50 kg pro capite, tuttavia la crescita della popolazione comporta un aumento significativo dell'utilizzo totale e un deficit più profondo a causa della produzione non in linea con la domanda. I principali fornitori sono Oceania, UE e Nord America. L'Oceania esporta il 200% del suo utilizzo, in quanto l'eccedenza dell'UE raggiunge oltre il 10% del suo utilizzo.

Cala il consumo di carne e l’Europa diventa esportatrice netta - Ultima modifica: 2019-09-12T08:37:34+00:00 da Lorenzo Tosi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome