La tracciabilità dei cereali nella legge di bilancio

Nasce “Granaio Italia”, un inedito strumento telematico per il monitoraggio dei cereali in grado di rilevare eventuali truffe sull’origine. Luciano Cillis (M5S), primo firmatario dell’emendamento: «Puntiamo a tracciare lo spostamento di tutte le categorie di cereali in Italia in tutti i diversi passaggi»

In Commissione Bilancio, nell’ambito della discussione sulla Manovra a Montecitorio, è stata approvata un’importante novità per la filiera cerealicola.

 

 

Un nuovo registro telematico nel Sian

Allo scopo di consentire un accurato monitoraggio delle produzioni cerealicole presenti sul territorio nazionale, chiunque detenga cereali e farine di cereali è tenuto a registrare tutte le operazioni di carico e scarico, se la quantità del singolo prodotto supera le 5 tonnellate annue, in un apposito registro telematico istituito sul SIAN, il portale del Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali.

Un milione di euro di stanziamenti e sanzioni da subito

Le operazioni di carico e scarico per vendita o trasformazione di cereali e sfarinati a base di cereali, di provenienza nazionale e unionale ovvero importate da Paesi terzi, devono essere registrati sul SIAN entro sette giorni lavorativi. Per il conseguimento di questo obiettivo viene stanziato un milione di euro e sono contemplate, sin da ora, le eventuali sanzioni da comminare tramite Icqrf, l’Ispettorato repressione frodi.

«Una giornata storica per i cereali made in Italy»

«La nascita di Granaio Italia – dichiara il deputato Luciano Cillis (M5S), primo firmatario

Luciano Cillis

dell’emendamento – rappresenta una giornata storica per la cerealicoltura italiana».

«Si tratta di un progetto che vuole portare il mondo della cerealicoltura allo stesso livello dell’olio e del vino: l’auspicio, infatti, è quello di riuscire a tracciare lo spostamento di tutte le categorie di cereali in Italia in tutti i diversi passaggi sia che si tratti di prodotti nazionali sia che si tratti di prodotti importanti».

Al via anche la Cun

Cillis si augura che il decreto attuativo trovi d’accordo le Regioni evitando ciò che è accaduto con il medesimo provvedimento per la tracciabilità del latte. E confida nel sostegno del Sottosegretario Giuseppe L’Abbate, attualmente al lavoro sull’avviamento della Cun (Commissione Unica Nazionale) del grano duro.

«Con questa novità normativa – prosegue Cillis – si riesce a dare certezza ai consumatori nonché riscontro effettivo ai nostri produttori, stoccatori e trasformatori che si impegnano nel rispetto e nella gestione di una filiera importantissima per l’agroalimentare made in Italy. E lo facciamo con concretezza e lucidità, rispondendo – conclude il parlamentare 5 Stelle della Commissione Agricoltura di Montecitorio – alla voglia di conoscere la realtà sui prodotti 100% italiani come pasta, pane, prodotti da forno e sfarinati di qualsiasi cereale».

Leggi anche

Stoccaggio cereali, in Italia 1.460 centri. I più moderni al Sud

Grano duro, uscito (finalmente) il decreto per il fondo di 100 euro/ha

«Più reddito e valore aggiunto grazie alle politiche di filiera»

La tracciabilità dei cereali nella legge di bilancio - Ultima modifica: 2020-12-20T23:35:41+01:00 da Lorenzo Tosi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome