Il diritto di prelazione spetta solo ai terreni agricoli

    Gli altri sono esclusi, anche in presenza di una semplice previsione di Piano regolatore

    Domanda

    Un terreno agricolo, incolto, viene frazionato e venduto, ad esclusione di una striscia che il proprietario si riserva sul confine con il vicino coltivatore diretto.
    La riserva poteva essere fatta in altri punti della proprietà, non confinanti con coltivatori diretti.
    La riserva è fatta per eludere il diritto di prelazione del confinante, anche se appare una legittima operazione di vendita.
    La riserva che continua a rimanere incolta, non può essere motivata con necessità agricole, ma speculative (vendeva per far realizzare villette di campagna). Il coltivatore confinante chiede spiegazioni e gli viene risposto: vendiamo quando e a chi vogliamo per fare i nostri interessi economici.
    A vostro avviso è legittimo? Tale comportamento trova riscontri in giurisprudenza?
    Quando la riserva non è giustificata ed il confinante può attivarsi per chiedere il diritto di prelazione?
    Potete segnalarci qualche sentenza che si è occupata della questione?
     

    Questo contenuto è riservato agli abbonati alle riviste Edagricole. Abbonati

    Sei abbonato a Terra e Vita o ad una delle altre riviste Edagricole e hai già effettuato l’accesso al sito?
    Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

    Sei abbonato ad una delle riviste Edagricole ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
    Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
    Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti riservati agli abbonati.

    Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

    <p>Un terreno agricolo, incolto, viene frazionato e venduto, ad esclusione di una striscia che il proprietario si riserva sul confine con il vicino coltivatore diretto.<br />La riserva poteva essere fatta in altri punti della proprietà, non confinanti con coltivatori diretti.<br />La riserva è fatta per eludere il diritto di prelazione del confinante, anche se appare una legittima operazione di vendita.<br />La riserva che continua a rimanere incolta, non può essere motivata con necessità agricole, ma speculative (vendeva per far realizzare villette di campagna). Il coltivatore confinante chiede spiegazioni e gli viene risposto: vendiamo quando e a chi vogliamo per fare i nostri interessi economici.<br />A vostro avviso è legittimo? Tale comportamento trova riscontri in giurisprudenza?<br />Quando la riserva non è giustificata ed il confinante può attivarsi per chiedere il diritto di prelazione?<br />Potete segnalarci qualche sentenza che si è occupata della questione?<br /> </p>

    Il diritto di prelazione spetta solo ai terreni agricoli
    - Ultima modifica: 2009-03-31T00:00:00+00:00
    da Daniele Gualdi
    Il diritto di prelazione spetta solo ai terreni agricoli - Ultima modifica: 2009-03-31T00:00:00+00:00 da Daniele Gualdi

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento
    Per favore inserisci il tuo nome