No all’acquisto di foraggi nel 1° anno conversione

    Zootecnia biologica

    Domanda

    1) Vorrei sapere se esistono interpretazioni o deroghe all’art. 21 del Reg. Ce n. 889/2008 che parrebbe non consentire ad un’azienda zootecnica biologica (anche in conversione?) di acquistare la sostanza secca mancante al suo fabbisogno annuo da un’altra azienda al primo anno di conversione. Leggendo l’art. 21 sembrerebbe infatti che i terreni in conversione debbano obbligatoriamente far parte della stessa azienda zootecnica, o sbaglio?
    2) Un contratto di filiera unito magari ad un conto coltivazione che leghi il terreno sul quale insiste quella determinata coltura foraggera in esclusiva per l’azienda zootecnica non sarebbe equivalente ad un contratto d’affitto?

    Questo contenuto è riservato agli abbonati alle riviste Edagricole. Abbonati

    Sei abbonato a Terra e Vita o ad una delle altre riviste Edagricole e hai già effettuato l’accesso al sito?
    Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

    Sei abbonato ad una delle riviste Edagricole ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
    Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
    Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti riservati agli abbonati.

    Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

    No all’acquisto di foraggi nel 1° anno conversione
    - Ultima modifica: 2018-02-06T11:19:13+00:00
    da Roberta Ponci
    No all’acquisto di foraggi nel 1° anno conversione - Ultima modifica: 2018-02-06T11:19:13+00:00 da Roberta Ponci

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento
    Per favore inserisci il tuo nome