Successioni, l’accettazione tacita dell’eredita

    Desumibile dal comportamento dell'erede che effettua la voltura catastale

    Domanda

    Ai sensi dell’art. 476 del Codice Civile l’avere resistito nel giudizio volto alla dichiarazione di falsità del testamento olografo che mi istituiva erede, costituisce accettazione tacita di eredità? La causa poi è stata da me vinta (sono sempre stato in possesso dei beni) e passata in cosa giudicata, ma è durata 28 anni. Adesso, cioè solo all’esito positivo del giudizio su chi fosse l’erede, ho instaurato una causa per risoluzione di una precedente donazione modale del de cuius per grave inadempimento della donataria, donataria che si è difesa asserendo una intervenuta prescrizione riconosciuta dal Tribunale che ha dichiarato la prescrizione dell’azione di risoluzione della donazione; nella fattispecie, si chiede se siamo davvero in presenza di accettazione tacita dell’eredità, oppure ricorrendo in appello posso ribaltare il giudizio di 1° grado, anche perché sussiste il grave inadempimento da 28 anni ad oggi, richiesto già dallo stesso de cuius prima di morire, ma il relativo giudizio cadde per inattività, cioè venne cancellato dal ruolo, a causa della mia erronea convinzione di non poter stare in giudizio perdurando le cause per stabilire chi fosse l’erede.

    Questo contenuto è riservato agli abbonati alle riviste Edagricole. Abbonati

    Sei abbonato a Terra e Vita o ad una delle altre riviste Edagricole e hai già effettuato l’accesso al sito?
    Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

    Sei abbonato ad una delle riviste Edagricole ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
    Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
    Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti riservati agli abbonati.

    Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

    <p>Ai sensi dell’art. 476 del Codice Civile l’avere resistito nel giudizio volto alla dichiarazione di falsità del testamento olografo che mi istituiva erede, costituisce accettazione tacita di eredità? La causa poi è stata da me vinta (sono sempre stato in possesso dei beni) e passata in cosa giudicata, ma è durata 28 anni. Adesso, cioè solo all’esito positivo del giudizio su chi fosse l’erede, ho instaurato una causa per risoluzione di una precedente donazione modale del de cuius per grave inadempimento della donataria, donataria che si è difesa asserendo una intervenuta prescrizione riconosciuta dal Tribunale che ha dichiarato la prescrizione dell’azione di risoluzione della donazione; nella fattispecie, si chiede se siamo davvero in presenza di accettazione tacita dell’eredità, oppure ricorrendo in appello posso ribaltare il giudizio di 1° grado, anche perché sussiste il grave inadempimento da 28 anni ad oggi, richiesto già dallo stesso de cuius prima di morire, ma il relativo giudizio cadde per inattività, cioè venne cancellato dal ruolo, a causa della mia erronea convinzione di non poter stare in giudizio perdurando le cause per stabilire chi fosse l’erede.</p>

    Successioni, l’accettazione tacita dell’eredita
    - Ultima modifica: 2009-04-17T00:00:00+00:00
    da Daniele Gualdi
    Successioni, l’accettazione tacita dell’eredita - Ultima modifica: 2009-04-17T00:00:00+00:00 da Daniele Gualdi

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento
    Per favore inserisci il tuo nome