Terreno lasciato a riposo quali scelte si possono fare

    Gestione e lavorazioni in pianura e in collina

    Domanda

    Abbiamo un terreno seminativo lasciato a riposo; ritirato dalla produzione per un periodo continuativo di 6 mesi a partire dall’1/1/2019 al 30/6/2019 dell’anno di domanda.
    Vediamo le premesse:
    a) Terreno non destinato ad area ecologica (Efa).
    b) Ubicato in “zona di pianura” (escluso da copertura vegetale minima del suolo Bcaa4).
    c) Destinazione d’uso a “maggese nudo” nell’ambito del sistema di rotazione aziendale (lasciato nudo e coperto da vegetazione spontanea).
    d) Non rientrante in zona di protezione speciale o di conservazione di habitat naturale (dir. 2009/147/Ce e 92/43 Cee).
    e) il terreno nell’annata agraria successiva (2019/2020) sarà seminato con coltura autunno-vernina;
    f) applicazione della pratica del maggese quale tecnica di arido-coltura.

    PRIMO QUESITO, LE LAVORAZIONI

    Allo scopo di ottenere una produzione agricola nell’annata agraria successiva e di contenere le piante infestanti è possibile eseguire lavorazioni meccaniche di discissura e/o ripuntatura con il “ripper”? (lavori che non comportano il rovesciamento del cotico erboso).
    Quali scelte in merito alla gestione del terreno a riposo devono essere indicate in domanda, e con quali codici di uso del suolo, ai fini del controllo degli organismi pagatori?

    SECONDO QUESITO, IN COLLINA

    Fermo restanti le premesse indicate in oggetto, nel caso di terreno a riposo ubicato in “zona collinare”, assoggettato all’obbligo di “copertura vegetale minima del suolo”, al fine di contenere le piante infestanti ed ottenere una produzione agricola nell’annata agraria successiva è possibile eseguire la lavorazione del suolo mediante discissura o ripuntatura con linee di avanzamento che non seguono la pendenza del terreno ed evitano possibili fenomeni erosivi.
    Quali scelte in merito alla gestione del terreno a riposo devono essere indicate in domanda, e con quali codici di uso del suolo, ai fini del controllo degli organismi pagatori?
    In via alternativa sarebbero possibili lavori di aratura?
    Le eventuali lavorazioni si dovrebbero eseguire dopo il 1° marzo ed entro il 30 giugno.

    Questo contenuto è riservato agli abbonati alle riviste Edagricole. Abbonati

    Sei abbonato a Terra e Vita o ad una delle altre riviste Edagricole e hai già effettuato l’accesso al sito?
    Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

    Sei abbonato ad una delle riviste Edagricole ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
    Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
    Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti riservati agli abbonati.

    Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

    Terreno lasciato a riposo quali scelte si possono fare
    - Ultima modifica: 2019-02-15T09:05:52+00:00
    da Barbara Gamberini
    Terreno lasciato a riposo quali scelte si possono fare - Ultima modifica: 2019-02-15T09:05:52+00:00 da Barbara Gamberini