Nessun diritto di prelazione all’affittuario non Cd

    E non serve neanche registrare tardivamente il contratto

    Domanda

    Da qualche anno ho affittato un terreno agricolo, pur non essendo coltivatrice, da un proprietario che ha ora deciso di vendere.
    Nel tempo, avendo solo interessi personali, ho apportato pochissime ma utili bonifiche: ho realizzato un piccolo orto, un gazebo, ho fatto scavare il pozzo e collocato un piccolo generatore.
    Finalmente mangio prodotti buoni!!
    Registrando (anche se tardivamente) il contratto posso acquistarlo senza il rischio dell’esercizio della prelazione dei confinanti che sono invece coltivatori?

    Risposta

    Purtroppo la risposta è negativa. È ben vero che l’art. 7 della L. n. 817/71 nel concedere il diritto di prelazione ai coltivatori diretti proprietari di fondi confinanti con quello in vendita esclude tale diritto nel caso che sul fondo in questione sia insediato un affittuario, ma deve trattarsi di un affittuario coltivatore diretto, mentre la lettrice dichiara espressamente di non essere coltivatrice. Ne consegue che la registrazione del contratto riuscirebbe del tutto inefficace al fine che interessa.

    CONDIVIDI