Azienda faunistica venatoria una partita Iva autonoma

    Il caso di un’attività aperta in Toscana

    Domanda

    Sono il direttore concessionario di un’Azienda Agrituristico Venatoria toscana appena costituita e ottenuta dalla divisione di due Aziende Faunistico Venatorie. La vecchia Afv non aveva partita Iva ma solo Cf in quanto non a scopo di lucro. La nuova Azienda Agrituristico Venatoria è invece a fine di lucro ed è nostra intenzione far pagare i permessi di caccia ai cacciatori.
    Prima di iniziare l’attività siamo andati alla nostra organizzazione professionale che ci ha detto di prendere la P.Iva e fatturare i permessi di caccia (o rilasciare un scontrino) della Aav. Il nostro consulente invece ci dice che non serve la P.Iva e che possiamo fatturare le cacciate con la PIva dell’azienda agricola con una numerazione a parte. L’Agenzia delle Entrate dice di fare un interpello perché la materia è difficile e la Toscana ha una legislazione particolare. Posso sapere qualcosa dai vostri esperti?

    Questo contenuto è riservato agli iscritti al sito.

    Hai già effettuato la registrazione al sito?
    Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

    Non hai ancora effettuato la registrazione al sito?
    Registrati qui per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati: è un’operazione semplice e veloce.

    Abbonati a Terra e Vita o ad una delle riviste Edagricole per avere accesso all’intera banca dati dell’Esperto Risponde.

    Azienda faunistica venatoria una partita Iva autonoma
    - Ultima modifica: 2021-10-05T08:50:42+02:00
    da Barbara Gamberini
    Azienda faunistica venatoria una partita Iva autonoma - Ultima modifica: 2021-10-05T08:50:42+02:00 da Barbara Gamberini

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento
    Per favore inserisci il tuo nome