In caso di pubblica utilità

    Servitù, indennità solo al proprietario

    Domanda

    Su un terreno con serre costruite prima del ‘70 per la produzione florovivaistica la “Provincia” sta per costruire un muro argine che la dividerà in due parti. Su tale

    terreno esercita la propria attività con un regolare contratto di affitto, da più di un anno dalla dichiarazione di pubblica utilità, un vivaio, i cui soci sono entrambi coltivatori diretti. La proprietà si sta accordando bonariamente con soddisfazione generando così una servitù permanente del fondo.
    Durante l’esecuzione dell’opera è prevista un’occupazione temporanea che di fat- to mi impedirà la coltivazione di piante e fiori in vaso per il tempo di costruzione dell’arginatura e dei ripristini delle serre e impianti per una superficie ben maggio- re di quella del cantiere. La provincia mi ha risposto che non ho diritto ad alcuna indennità aggiuntiva per la mancata produzione sostenendo di non avere nessun riferimento giuridico. È vero?

    Questo contenuto è riservato agli abbonati alle riviste Edagricole. Abbonati

    Sei abbonato a Terra e Vita o ad una delle altre riviste Edagricole e hai già effettuato l’accesso al sito?
    Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

    Sei abbonato ad una delle riviste Edagricole ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
    Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
    Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti riservati agli abbonati.

    Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

    In caso di pubblica utilità
    - Ultima modifica: 2018-02-06T11:19:29+00:00
    da Roberta Ponci
    In caso di pubblica utilità - Ultima modifica: 2018-02-06T11:19:29+00:00 da Roberta Ponci

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento
    Per favore inserisci il tuo nome